Published books

Luce solare – poesie nel cuore della notte

copertina

La luna saltella
in una scodella d’avorio
forgiata dalle mani della notte
aiutata dalle stelle;

ed ecco uno scoppio di colori
arancione, fulmini gialli:
il sole infrange le lenzuola dorate della notte
e le stelle lasciano il cielo,
come lacrime superate,
dopo una malattia vinta.

“…il sole infrange le lenzuola dorate della notte/e le stelle lasciano il cielo…”. Luce solare, stelle che discutono, luna che telefona al sole: allegorie che incarnano l’inesorabile alternarsi del giorno e della notte. Spettacolo straordinario nella sua semplicità, che rapisce la fantasia di Ivano Bersini e diventa protagonista indiscusso delle sue liriche. Gli astri accompagnano anche la manifestazione dell’amore, definito mirabilmente come “uno spumeggiante e spettacolare tracollo della ragione”. Le poesie dedicate al sentimento celebrano gli sguardi, il profumo, gli occhi che accendono la passione e fanno fremere il cuore. Spesso l’autore cita passi della Divina Commedia, che diventano spunto per nuove liriche o si accompagnano ad esse. Così come, in un momento di sconforto, riprende il celebre componimento di Salvatore Quasimodo, “Ed è subito sera”, testimoniando, ancora una volta, la predilezione per gli astri ed il succedersi del buio e della luce nell’espressione dei moti dell’animo.

Il giardino dei giochi – Io e Virginia

COPERTINA

Le poesie nascono all’alba
nel pozzo dei sogni:

quando fulminato d’energia,
le confeziono
decorate d’emozioni luccicanti.

Così,
quando l’espressione
toccherà l’apice più nobile
e raffinato,

io risorgerò dalle acque della realtà.

“A Virginia”

Come scrive Brendon O’Carrol in  “Agnes Browne nonna”:  <<Si dice che in ognuno di noi ci sia un bambino. O forse accade che per brevi periodi, nella nostra vita adulta, torniamo all’infanzia?…Ho riconosciuto così tanti posti e storie che è stato come un tuffo nei ricordi. Sai, Dermont, quando tu mi raccontavi storie fino a farmi addormentare, erano magnifiche, non le cambierei nemmeno per un milione di sterline>>.

Ebbene, in questa domenica 29 marzo 2009, mi ritorni in mente cara Virginia, compagna di giochi nei lontani anni 1978-‘79.

Dedico a te queste poesie nate dai ricordi vivi come i fiori del giardino in cui giocavamo e preziosi come la memoria che li ha conservati.

Questo libricino è una speranza che tu legga e ti riconosca.

Il tuo compagno di giochi, Ivano.

Nuovo viaggio

Nuova immagine

Riepilogo

Abbasso gli occhi,
in un interstizio di riflessione,
sulla mia attuale avventura nel mondo;

dal buoi cielo della memoria,
cerco il robot spirituale
che indicizzi le mie esperienze.

Uno scorrere,
veloce a ritroso
di diapositive vissute,

riepiloga il mio operato
e mi rivela le aggiornate coordinate
assolute temporali.

Ivano Bersini è alla sua terza esperienza editoriale. Queste ultime liriche si presentano, per l’appunto, all’insegna del cambiamento e il rinnovato modo di comunicare indica un percorso, stilistico e spirituale, in continua evoluzione, dando l’idea della ricchezza del mondo poetico dell’autore.

Terzo posto ex aequo alla prima edizione 2010 del Premio Letterario “Omaggio a Emilio Greco” il 18/12/2010 a Catania.

Dentro noi, oltre le stelle

Copertina

Sognai gocce di luce trapassare il mio corpo
in un dialogo d’emozioni
dove tutto era incanto di colori e rinnovato sentire,

mentre un’enigmatica energia
rivelava l’Universo invisibile
assopito nelle sacre ombre dei nostri cuori.

Sete di conoscenza e rinascita sono i concetti che focalizzano la poetica di Ivano Bersini. Un effervescente brusio di colori trasforma il senso della fatalità e del dolore universale in un’arte poetica che spesso è pura bellezza. In questi versi il poeta, in antitesi tra il mondo reale e quello sorto dalla sua immaginazione, accomunata il sogno-illusione in un intreccio di ritmi e immagini che traggono le loro origini in una profonda contemplazione del mondo.

Terzo posto nella sezione poesia espressionista al Premio Nazionale di Poesia Edita Leandro Polverini il 25/11/2012 ad Anzio (Roma).

Anima e Delizia

copertina ridotta

Sbronzo d’orgasmo
fra le profumatissime braccia
di una sensuale principessa
fradicia di passione

mi destai in un regno
di nuova bellezza e toni luminosi

gustai allora nuovi sapori:
come miele caldo che
corrotta panna gelida
libera un giovane respiro.

La Poesia è un paesaggio sospeso nel tempo. Si staglia tra il blu, al riparo dell’aria, che spira sottile e l’Eros si percepisce come il tangibile contatto del riverbero vorticoso della luce. È il biancore immacolato delle pagine a illuminare di notte il cielo, che senza ombra spiccano sui rossi taglienti degli interrogativi del cuore. L’Eros, inteso come via spirituale che conduce uomini e donne nel divino universo dell’anima, dove alberga l’essenza pura della vita. La poesia dell’Eros intende dar voce e spessore a quell’essenza e sfumatura sottile dell’allusione che sublima il pathos e ne svela, lungo quel verso scritto, le parole d’amore dettate dal frutto dell’umana passione. È il verso poetico che, con un sensuale velo, copre e riscopre lo stato d’animo d’un cuore irrimediabilmente innamorato e né tocca le corde più sottili dell’anima, la cui consapevolezza rappresenta l’eterna fiamma cui la stessa vita affida le torce che illuminano il cammino dell’esistenza. La vita e la sua poesia sono un tutt’uno con l’essenza pura di quell’Eros, che si diffonde attraverso la parola ed è la stessa parola che ne scandisce il ritmo “di …verso” nel calice in cui ogni artista attinge la pulsione incessante del solo attimo – brevissimo – dell’ineluttabilità che il cieco desiderio accende…

Ricordi

Cover ok

Pubblicato in proprio (Prima volta nel 2013 e nel 2016 selfpublishing whit StreetLib).

Questa ultima silloge, pubblicata in proprio, è uno specchio dei miei pensieri nei confronti della contemporaneità.
E’ un desiderio di comunicare al prossimo i miei timori nella forma più elegante ed emozionante possibile, nell’auspicio che sia di ispirazione per chiunque leggerà. Grazie, auguro a tutti una buona lettura.

Prefazione a cura della Dr.ssa Angela Giassi.

In un tempo che ci ha abituato all’anestesia affettiva e all’afasia espressiva, la poetica di Ivano Bersini viene a mostrarci un luogo, un momento, in cui la parola si erge ai confini del nulla, provocando domande e suggerendo sentieri nuovi, illuminando, come un bagliore in un cielo illune, la possibilità di innalzarci dal quotidiano e partecipare al fluire dell’universo.
Le liriche qui raccolte hanno il carisma dei significati multipli, un magma di parole che, all’interno di un caos apparente, sembra ricostruire, misteriosamente, l’ordine interno dei pensieri, segnati da un anelito di eternità.
Suddivisa in tre parti, la raccolta si sviluppa a partire da una profonda presa di coscienza della sacralità della memoria, laddove un passato mitizzato dialoga con l’inquieta trama del presente, evocando una civiltà perduta, e ipotizzando un futuro migliore.
Il poeta diventa voce di un ricordo non già individuale e limitato ma dilatato nello spazio e nel tempo: il verseggiare si accorda con una memoria ancestrale, priva di connotazioni realistiche.
Si viene delineando un ambiente poetico metafisico, lontano dalle suggestioni del concreto e tutto volto all’indagine del mistero dell’esistenza, che si nutre di elementi mitici e riflessi futuristici. Il sentimento del tempo assume qui una dimensione cosmica, mescolando passato e futuro in un affresco dai chiaroscuri forti, attraente e, a tratti, inquietante. Il poeta proietta se stesso in una sfera altra, distante e ipotetica, esonda dalla semplice esperienza umana per ritrovare il proprio senso in una dimensione costellata da buchi cosmici e pozzi dei sogni proibiti.
In questa suggestiva indagine, filosofica e personale, egli non si trova tuttavia solo: si avverte la presenza di una fitta rete di relazioni, intimamente connesse tra loro, di cui anche il poeta fa parte, non solo, vi si nutre e le alimenta in uno scambio che rimanda al ciclo della vita.
Poesie metalliche, la seconda parte della raccolta, pur nella continuità tematica, si tinge di ombre inedite, suggerendo, con immagini traslucide, dalla singolare intensità, un ampliarsi della riflessione sul presente. I riferimenti al progresso, alla corsa smaniosa dell’uomo circondato dal metallo, ossessionato dalle macchine e dagli esperimenti tecnologici, si susseguono con visionaria ritmica cadenza. La struttura formale accoglie il verso scarno, che si traduce in una sorta di ermetismo sintattico laddove la lirica ci appare con la brevità di un fulmine; sono frammenti che paiono derivati da un’alterazione della coscienza e che concentrano in brevi componimenti l’angoscia del cosmo e l’immenso stupore suscitato dalla vita stessa.
E, se avvertiamo il fremito di vertigine che si riversa nelle liriche, non possiamo non apprezzare la sottile ironia disincantata che sgorga dai versi di Carne aderente:

Il mio cuore
è un intricato groviglio
di ramate e dorate connessioni
dove l’emozione
è incanalata
in circuiti di nuova generazione.

L’ultima parte della raccolta, La vita, dea del piacere sembra scaturire da una dolorosa consapevolezza della caducità del tempo, dove si fa strada l’idea della morte, che ritorna tematicamente in alcune liriche: si tratta della morte fisica, alla quale spetta il compito di traghettarci verso l’infinito, presenza accettata e quasi rassicurante.
Ci troviamo di fronte ad una parola poetica di difficile definizione; l’intrinseca originalità e l’identità precisa dello stile sfuggono a stilemi e influenze letterarie precise collocandosi in un territorio ancora sconosciuto, dove l’archetipo umano si fonde in circuiti e connessioni. In questo vortice popolato da oggetti simbolici fortemente significanti, il poeta è tratto in ostaggio, attratto dalla profondità dell’abisso e svettante in un cielo antico.

Angela Giassi

Secondo posto per la sezione poesia metafisica nell’anno 2013 al Premio Nazionale di Poesia Edita Leandro Polverini ad Anzio (Roma).

Occhi cuore anima

coprtina ok-page-001

Cielo dorato

Io contemplo
Il cielo dorato
Specchiato nei tuoi occhi
Donare un sacro
E magico splendore
Alla tua vita
Ora dimora
Di un’antica dea risorta
Nelle tue nobili sembianze.

Questa silloge beneficia del magico intervento di Evelyn, che ha saputo donare un brivido bellissimo grazie alle sue pregevoli illustrazioni, donando un volto a queste nuove poesie. Grazie Evelyn.

Desidero inoltre ringraziare la Dr.ssa Angela Giassi per aver scritto una splendida prefazione, che è bella come una poesia. Grazie.

Quale ideale proposta per riscoprire la bellezza custodita nel cuore di ogni essere umano attraverso la rivisitazione di un sacro luogo. La poesia rappresenta una forma per ritrovare se stessi nella riflessione della vita quotidiana grazie anche al confronto altrui.

Le liriche di Ivano Bersini scolpiscono una poetica precisa, capace di dire dell’infinito e del quotidiano, ben oltre i limiti di un chiuso componimento, per la semplicità e la generosità attraverso cui riesce a coinvolgere il lettore con immagini e parole piegate a un sapiente desiderio espressivo.
È difficile ascoltare il suono della poesia, calati come siamo in contesti plurimi funzionali, abbiamo bisogno di un “ponte” per uscire da logiche di necessità cui è permeato il vissuto di tutti i nostri giorni. Va accolta come un dono, la sintesi poetica, alta, altra, di un giovane Autore dotato di particolare sensibilità, che non manca mai di regalare al lettore emozioni vissute, echeggiati mondi affettivi e sensibili possibilità. L’universo poetico è spesso carezzato da struggenti visioni escatologiche, dove trovano casa, al tempo stesso, rimpianti e pura gioia.

A volte, l’accuratezza del timbro linguistico, genuino e irresistibile caratterizza la versificazione che restituisce emozioni attraverso brevi schizzi che tratteggiano eventi minimi e quotidiani, ricordi, gesti, brevi dialoghi restituiti con sorprendente musicalità, una raffinatezza percepibile laddove l’ascolto della vita altrui come del proprio umano e intimo sentire, suggerisce una necessità interiore che contraddistingue un estremo tentativo di sottrarsi all’affermazione diffusa dell’effimero con una preponderante verticalizzazione del verso che aiuta i l lettore orientarsi e ad interiorizzare più facilmente messaggi e contenuti. Altrove, la cristallina fluidità, la sonorità morbida e suadente e insieme netta e scandita, la schietta immediatezza lirica con qualcosa dell’antico senso latino della quantità acqui- stano una intensa, sfumatura espressiva; versi crepuscolari sintetizzano, come foglie in autunno, con lucida amarezza, senza alcun compiaciuto indugio elegiaco, la crisi e il tramonto di altre vite, richiamando anche pensieri tinti di scuro, che non temono di nominare la fine, la morte, il passaggio.
L’ albeggiare diventa meraviglia e riempie un desiderio di infinito che trapela vibrante, creando anche questa volta, con un movimento interno, il suono levigato di una speranza. E in numerose liriche la metamorfosi ricompare, lo stridente e necessario bisogno di trasformare la notte in giorno, di esorcizzare le paure attraverso la scrittura. Con sensualità giovanile, venata di dolcezza ma pur sempre controllata e talvolta inaspettata, l’Autore ci fa parte del suo universo esperienziale, intimo e privato, aprendo un sipario personale, denso di momenti sublimi e amare delusioni, nascoste paure e tentativi di volo. Non ci sono distanze, nessun ostacolo impedisce al lettore di abbracciare la tensione lirica dell’Autore che, con intensa semplicità, conduce e accompagna in un universo di straniamento artistico, dove ogni cosa significa, al di là dell’apparente, come oggetto metafisico consistente.
Ritroviamo, nelle poesie di Ivano Bersini, l’amore e lo struggimento amoroso, con una ampia gamma di sfumature laddove si rincorrono, tra i suoi versi, ricordi e paure ma anche incertezze e cadute di un animo travagliato, seppur sempre volto alla continua ricerca del senso originario dell’ essere, capace di commuovere e di suscitare speranza.

Angela Giassi

Primo Premio nella sezione poesia crepuscolare al Premio Nazionale di Poesia Edita Leandro Polverini. 2014 ad Anzio (Roma).

Copertina, illustrazioni e titolo a cura di Evelyn
* L’arte è magia *
Twitter: @EvelynArtworks
https://www.facebook.com/EvelynArtworks
http://weheartit.com/EvelynArtworks/
http://evelynartworks.tumblr.com
http://instagram.com/Evelynartworks

 

Metamorfosi Metamorfosis Metamorfoses Metamorphosis Метаморфоз

cover-bersini-1875x2500

Paper book

9788891188403g

Uplifting Melody

I’m listening to the melted songs of the souls
waiting to chord
in an uplifting melody
which can give rise to
an enchanting
necessary phrasing
that will instruct
with masterly grace
The thought of him who got lost.

My mind is coming back
after a distant trip
where emotions
make the sorrounding landscape enchanting
You are my guide
Now that the beating of Heart
is your faithful disciple.

I’ll follow your soul
I’ll see the sun rays again.

Esemplare melodia

Sento i canti sciolti delle anime
nell’attesa di accordarsi
in un’esemplare melodia
che liberi
un incantevole
necessario fraseggio
che con sapiente grazia
istruirà
il pensiero di chi si è smarrito.

Ritorna ora la mia mente
da viaggio lontano
dove le emozioni
incantano il paesaggio circostante
Tu sei la mia guida
adesso che il palpito del Cuore
è Tuo affezionato discepolo.

Seguirò la Tua Anima
rivedrò i raggi del Sole.

Melodia exemplar

Escuto as canções dispersas pelas almas
na espera de conciliar-se
numa melodia exemplar
que libera
um glamouroso
necessário fraseo
que com vivida graça
instruirá
o pensamento de quem está perdido.

Volta agora minha mente
da longe viagem
onde as emoções
encantam o paisagem ao meu redor
Tu és minha guia
agora que o batimento do coração
é teu fiel discípulo.

Seguirei Tua alma
volterei a ver os raios do sol.

Светлая мелодия

Я слышу тихое пение Душ,
Ждущих слияния
В светлой мелодии,
Рождающей восхитительную и
Необходимую фразировку,
Которая со знанием и грацией
Направит мысли тех, кто растерян.

Мое сознание возвращается
Из долгого путешествия,
Где эмоции украшают
Окружающий мир;
Ты мой путеводитель,
Сейчас, когда биение моего Сердца –
Твой верный ученик.

Я последую за Твоей Душой
И снова увижу лучи солнца.

These new poems, enriched by the contribution of Giuseppe, Fatima, Yana, to whom I am very grateful, will hopefully reach as many people as possible. I hope they will also reach poets and artists who still might not consider themselves as such, but whom I thank from all my heart for the contribution they are going to give to the world.

 Nothing happens by chance.

Ivano Bersini

Questa mia nuova silloge, si rivolge ad un vasto pubblico di lettori ed artisti, grazie alla traduzione in spagnolo e portoghese di Fátima Rocío Peralta García, in inglese del professore Giuseppe Ferri ed in russo di Yana Shchukina, e desidera essere una proposta di riflessione e dialogo per rivalutare l’essere umano, perché come afferma Yana:
Queste preziose poesie toccano i temi più profondi e i sentimenti più intimi dell’esistenza umana. Non solo sono espressioni del mondo interiore dell’essere umano ma fungono da invisibili fili connettori che uniscono tutte le persone della terra nella loro più intima riflessione sull’Esistenza e regala loro il calore di non essere soli di fronte all’Universo.
(Эти ценные стихотворения затрагивают самые глубокие темы и самые сокровенные чувства человеческого существования. Они не только отражают внутренний мир человека, но являются невидимыми нитями, которые соединяют всех людей на земле в их наиболее глубоких размышлениях о Жизни, и дарят им тепло и чувство единения в этой огромной и бесконечной Вселенной.)

Queste poesie parlano della vita, della morte e di percezioni alterate della realtà quale spunto per riscoprire se stessi, in questa vita che forse è un sogno ad occhi aperti…

Estas nuevas poesías enriquecidas por la intervención de Giuseppe, Fátima, Yana a quien agradezco de corazón, difundirán los sueños, esperando unir el mayor número posible de personas, así como también artistas y poetas que aún no saben que lo son, y a quienes ya agradezco por el aporte que sabrán dar al mundo.

Nada ocurre por casualidad.

Ivano Bersini

Эти ценные стихотворения затрагивают самые глубокие темы и самые сокровенные чувства человеческого существования. Они не только отражают внутренний мир человека, но являются невидимыми нитями, которые соединяют всех людей на земле в их наиболее глубоких размышлениях о Жизни, и дарят им тепло и чувство единения в этой огромной и бесконечной Вселенной.

Fiabe incendiarie Cuentos incendiarios Зажигательные сказки Incendiary Tales

9786050424720

Paper book

9788892609396g

Canzone

L’uomo ha smarrito se stesso

in un giorno di neve

sommatoria di colori

il ruscello ed il cielo

cantano all’unisono:

Che cosa pensi?

Che cosa credi?

Che cosa vedi?

In un raggio di Sole

è scritta la nostra identità

come un occulto ricordo

che ora torna al presente a noi

è malinconia che si scioglie

in soluzione di nuova vita.

Ed una canzone

sgorga dalle pietre

e ci consacra

nuovamente eterni

nella fiaba dell’esistenza.

Adesso io vedo Te

come cristallo purissimo

in cui riflettermi

per riconoscere l’Umanità:

gioco di Luce effimero.

Dai sepolcri innevati

ora sento il canto della vita

innalzarsi

verso il cielo, verso il Sole.

Recita di anime lontane

echeggia dal passato

perdendosi in un bagliore effimero.

 

Canción

El hombre se ha extraviado así mismo

en un día de nieve

sumatoria de colores

el arroyo y el cielo

cantan al unísono:

Qué cosa piensas?

Qué cosa crees?

Qué cosa ves?

En un rayo de sol

está escrita nuestra identidad

como un recuerdo oculto

que ahora vuelve al presente para nosotros

es melancolía que se derrite

en solución de nueva vida.

Y una canción

fluye de las piedras

y nos consagra

eternos nuevamente

en el cuento de la existencia.

Ahora te veo

como cristal puro

en el cual me reflejo

para reconocer la Humanidad:

juego de Luz efímera.

De los sepulcros cubiertos de nieve

ahora siento el canto de la vida

elevarse

hacia el cielo, hacia el sol.

Representación de almas lejanas

ecos del pasado

perdiéndose en un efímero rayo.

 

Песня

Человек себя потерял

Снежным днем,

В отражении света

Ручей и небо

Поют в унисон:

Что ты думаешь?

Во что ты веришь?

Что ты видишь?

В солнечном лучике

Запечатлена наша уникальность,

Как скрытое воспоминание,

Возвращающееся в настоящее,

И меланхолия растворяется

В осознании новой жизни.

И песня

Бьёт ключом средь камней,

И освящается

Заново и вовеки

Сказка бытия.

Сейчас я вижу Тебя,

Как наичистейший кристалл,

В котором отражаюсь,

И вижу Человечество:

Кратковременную игру Света.

Из подснежной гробницы

Вот я слышу пение жизни,

Стремящееся

К небу, к Солнцу;

Пение далеких душ

Слышится эхом из прошлого,

Растворяясь в эфемерном сверкании.

 

Song

Man has lost himself

in a day of snow

summation of colors

the stream and the sky

sing in unison:

What do you think?

What do you believe?

What do you see?

In a ray of the sun

our identity is written

as in a hidden memento

that now turns us to the present

it is melancholy that melts it

in a solution of new life.

And a song

gushes from the stones

and consecrates us

newly eternal

in the fable of existence.

Now I see You

as the purest crystal

to reflect myself in

to recognize Humanity:

fleeting play of Light.

From the snowy graves

I now hear the song of life

rise up

toward the sky, toward the Sun.

Recitation of distant souls

echoes from the past

losing itself in an ephemeral flash.

This new anthology leaves an account for a future relative whom I may never meet, or for an ancestor who will return but whom I will not be allowed to know in our timeline (perhaps the same person?).
I therefore feel this collection is a subliminal request that reaches me by pathways still unknown to us.
Poetry is an introspective analysis of our personal emotional universe that discovers the secret connections that make us shine like an Absolute Mirror.
The individual voices are part of a chorus of kindred souls.
My heartfelt thanks to Fatima for the new translations into Spanish, Yana for the Russian version, and Espresso Translation https://www.espressotranslations.com/ for the English one.

Questa nuova silloge lascia una testimonianza ad un futuro parente che forse non conoscerò mai, oppure ad un antenato che tornerà ma che a me non sarà consentito di conoscere nella linea del nostro tempo (che sia la stessa persona?).
Sento così questa raccolta come una richiesta subliminale che giunge a me per sentieri per ora ancora sconosciuti a noi.
La poesia è un’analisi introspettiva del nostro personale universo emotivo che scopre le occulte connessioni che ci fanno splendere come Specchio Assoluto.
Le voci individuali sono parte di un coro di anime affiatate.
Ringrazio di cuore Fatima per queste nuove traduzioni in spagnolo, Yana per la versione russa e Espresso Translation per quella inglese.

Esta nueva antología deja un testimonio de un futuro familiar que tal vez nunca conoceré, o bien un antecesor que regresará pero que a mi no me será concedido conocer en la línea de nuestro tiempo (es la misma persona?).
Así siento esta colección como una búsqueda subliminal que me conduce por caminos aún desconocidos para nosotros.
La poesía es un análisis una introspectiva de nuestro emotivo universo personal que descubre las ocultas conexiones que hacen resplandecer como Espejo Absoluto.
Las voces individuales son parte de un coro de almas compenetradas.
Agradezco de corazón a Fatima por estas nuevas traducciones en español, a Yana en ruso y en Inglés a Espresso Translation https://www.espressotranslations.com/ .

Эта новая антология является посланием будущему родственнику, с которым я никогда не буду знаком, или же предку, вновь вернувшемуся на землю, и которого мне не будет суждено узнать в одно и то же время (а может это будет один и тот же человек?)
Этот сборник родился в ответ на подсознательный вопрос, который пришел ко мне неизвестным до сих пор нам путем.
Поэзия это интроспективный анализ нашего личного духовного мира, который выявляет невидимые связи, благодаря которым мы сверкаем, как Абсолютное Зеркало.
Отдельные голоса соеденены в хор сплаченных душ.
Сердечно благодарю Фатиму за перевод на испанский языки и Яну за перевод на русский Espresso Translation https://www.espressotranslations.com/ английский перевод.
Ивано Берсини

Lilith

BERSINI COP

Love Creativity Beauty Happiness

I saw the rays of the Sun
rebel
against the shadows of the night
beyond the barriers of the visible
musical images are rising
You are eternal
You are Light
You are eternal

We are all remembering
Ourselves
clandestine memory emerges
from the hidden stars
We rise again
in the imaginary journey back
to the Beginning of everything.

Amore Creatività Bellezza Felicità

Vidi i raggi del Sole
ribellarsi
alle tenebre della notte
oltre le barriere del visibile
sorgono immagini musicali
Tu sei eterna
Tu sei Luce
Tu sei eterna

Tutti ci stiamo ricordando
di Noi stessi
fuoriesce memoria clandestina
dalle stelle occulte
Noi risorgiamo
nel viaggio immaginario di ritorno
all’Inizio di tutto.

Lilith is the necessary desire running against the tide to find the truth hidden in the appearances of things.

Entanglement, a matriarchal society, an awareness that we do not need to identify ourselves with our physical forms but are part of the Universal Creative Spirit, a feeling that history may have been intentionally falsified somehow for unsettling reasons unknown to us, all are part of the inspiration for this collection.

Lilith, this ancient name, is also an homage to Woman because, with her energy, she should be respected and reassessed by contemporary society, as she was in the time described by Alessandra Comneno in Custode del Fuoco Sacro [Keeper of the Sacred Flame] – Shamanism and female energy, The Medicine Women (Anima Edizioni, Anima vol. I, September 2015).

I am also thinking, however, of the inspiration provided in Natural Magic [Robert Hale Ltd., 1999] by Doreen Valiente, a special person who shows us that Love is the union of the auras belonging to two people so in synch with each other that they can work magic, making their dreams reality through sexual energy. Thus, we should realize that there is nothing sacred about sex when it has been made commercial, impoverished and insulted by today’s communications.
I believe, too, that I definitely must mention key authors Janet and Stuart Farrar of The Witches’ Goddess [Robert Hale Ltd., 1995] for their meticulous and illuminating historical reconstruction of the evolution of the cult of the Goddess.

I am convinced that rediscovering the power of Woman, of Goddess Mother Earth, is the real revolution for our times, when it seems to me that the spiritual nature of the Human Being is being diminished and denied through technological development and intentions that increasingly threaten her in defiance of our true inner progress.

I believe that modernity means understanding who we really are and which intrinsic talents we have always borne as gifts.

I am happy once again to give my heartfelt thanks to Catherine Hess (Espresso Translation https://www.espressotranslations.com/) for the English version, which is essential for reaching a greater number of readers, to whom I am already grateful for their consideration and kind sharing, and I hope my sincere thoughts reach them.

With great affection and respect.

Ivano Bersini

Brescia, Tuesday, 15 November 2016

I received 2nd place at the International Competition of Poetry, Prose, Figurative Arts La Finestra Eterea, 2017 edition.
***

Lilith rappresenta il necessario desiderio controcorrente di cercare la verità celata nelle apparenze delle cose.

L’entanglement, la società matriarcale, la consapevolezza di non doverci identificare con i nostri corpi fisici ma di essere parti dello Spirito Creatore Universale, la sensazione che la storia possa in qualche maniera essere stata volutamente falsata per scopi inquietanti ed a noi oscuri, sono alcuni dei motivi ispiratori della silloge.

Lilith, questo nome antico, è anche un omaggio alla Donna perché, con la propria energia, dovrebbe essere rispettata e rivalutata dalla società contemporanea, come fu al tempo narrato da Alessandra Comneno in “Custode del Fuoco Sacro” – Lo sciamanesimo e l’energia femminile Le Donne Medicina – Anima Edizioni I edizione Anima settembre 2015).

Penso, però, anche agli spunti forniti, in “Magia Naturale” – 2014 Brigantia Editrice, dalla persona speciale di Doreen Valiente, la quale rivela che l’Amore è l’unione di due auree appartenenti a due persone in sintonia in grado di fare magia trasformando i propri sogni in realtà, attraverso l’energia sessuale. Quindi, dovremmo renderci conto che non c’è alcuna cosa sacra nel sesso reso commercio, depauperato ed offeso dai mezzi di comunicazione contemporanei (Titolo Originale inglese: “Natural Magic” first pubblished in Great Britain 1975 by Robert Hale Ltd – Front cover image by Doreen Valiente).
Credo, poi, che sia doveroso e pacifico menzionare autori di riferimento quali Janet & Stuart Farrar in La Dea Delle Streghe – 2014 Brigantia Editrice per quanto concerne la loro minuziosa ed illuminante ricostruzione storica dell’evoluzione del culto della Dea (Titolo Originale inglese: “The Witches’Goddess” first pubblished in UK by Robert Hale LTD – With line illustrations by Stewart Farrar).

Io sono convinto che, riscoprire il potere della Donna, della Dea Madre Terra, sia la vera rivoluzione in questa epoca, dove mi pare che si stia sminuendo e rinnegando la natura spirituale dell’Essere Umano attraverso uno sviluppo tecnologico ed intenzioni sempre più pericolosi per essa a dispetto del nostro autentico progresso interiore.

Credo che la modernità consista nel capire chi siamo veramente e quali doti intrinseche portiamo in dono da sempre.


Ringrazio così di cuore e con grande piacere, anche questa seconda volta, Espresso Translation https://www.espressotranslations.com/ per la versione inglese, indispensabile a raggiungere un vasto numero di lettori, ai quali io sono già grato per la considerazione e la condivisione positive, che mi auguro possano trovare questi miei sinceri pensieri.

Con grande affetto e stima.

Ivano Bersini

Brescia, martedì 15 novembre 2016

Coppa 2° posto al Concorso Internazionale Poesia, Prosa, Arti figurative La Finestra Eterea edizione 2017.

3° posto nella sezione poesia espressionista Al Premio Nazionale 2017 Poesia Edita Leandro Polverini.

Images

Images_poetry

I dreamed of droplets of light piercing my body
in a dialogue of emotions
where everything was enchanted with colours and renewed sentiment,

while an enigmatic energy
revealed the invisible Universe
slumbering in the sacred shadows of our hearts.

This anthology combines many of the poems in my three collections – Dentro noi, oltre le stelle [Within ourselves, beyond the stars], Ricordi [Memories] and Occhi Cuore Anima [Eyes Heart Soul] – now translated into English.
It came about because of my wish to share things that seem beautiful, in the opinion of those who looked them over (especially, for example, the poem A Olga [To Olga]).
This also contains moments of sensuality and eroticism, in an attempt to reawaken this indispensable peculiarity of ours and bring it back to spirituality, which scientific experiments seems to want to move us away from, as I explore and describe in more detail, futuristically, in Ricordi.
I also have the pleasure of quoting the prefaces Dr Angela Giassi wrote for Ricordi and Occhi Cuore Anima, introducing these two collections quite elegantly.
I hope my new readers will experience very pleasant feelings and thoughts as well as intense reflection, will be able to experience moments of light – images, that is, because ‘…everything is an image, even a person is an image. All images are created with two facets: the human, or the natural principle, and the divine, or the spiritual principle. Then I taught her that the two principles are inseparably united and the spirit penetrates the natural body, like a lover intent on making love. This erotic and creative act produces images.’ (Excerpt from Discorso alla Luna [Conversation with the Moon] by Selene Calloni Williams, Contemporary Library – Edizioni Studio Tesi, 2016, p. 55.)

English translations were done by espressotranslations.net

Luce

luce2-HD[1033]

Io traccio
ora
i simboli
dipingo
la porta
verso altri mondi.

Luce argentata
rende accessibili
altre dimensioni.

Io ringrazio di cuore i Lettori per il tempo che Mi dedicheranno, in questo Mio sentito e particolare dialogo.
Un ringraziamento speciale all’artista Susanna Gattuso per aver accettato di dipingere la copertina e per aver scelto di raffigurare anche la poesia Ave.

Con grande affetto e stima.

Ivano Bersini

Brescia, giovedì 24 agosto 2017

“Luce” è composta da poesie in parte provenienti dal mio blog (http://blog.libero.it/orapoesie/) in sintonia con le nuove da “Apparenti” in poi, più la prima “Notti pericolose”.
Esse desiderano sussurrare che Noi siamo Anime eterne che si avventurano nell’esperienza e negli ostacoli della vita per fare esperienza di Se stesse.
Di grande ispirazione ed aiuto sono i seguenti passi, tratti da Custode del Fuoco Sacro di Alessandra Comneno Anima Edizioni, Anima vol. I, settembre 2015 pagine 48-49, 51, 52-53, 80 e 97:
<<… siamo eterni ma di passaggio sulla Madre Terra; … corpo crescerà, cambierà, si trasformerà, ma dentro è immortale. Gli antichi lo sapevano bene, essi mettevano al centro di tutte le cose, la “coscienza senza forma”. In lei si riflettevano gli esseri umani, gli alberi, l’intero creato, Dio che è tutto… Ma l’essere umano, ossessionato e posseduto dalla forma umana, è terrorizzato di perderla. Quando eravamo appena nati, non sapevamo cosa stavamo vedendo, ora “pensiamo” di saperlo; … È il linguaggio che costruisce la realtà percepita. … La nostra cultura teme di integrare la dimensione trascendente, magica e mistica nella Vita quotidiana del bambino/a. In un certo senso è comprensibile perché i nostri figli imparerebbero a pensare con la loro testa, a ragionare con il proprio cervello, a desiderare esplorare e a sentire con il proprio cuore… e per il sistema è sicuramente conveniente non assumersi questo rischio…>>.

3° posto nella sezione poesia mistica Al Premio Nazionale 2018 Poesia Edita Leandro Polverini.

Impressioni

COPERTINA_IVANO_OK_(JPEG)Il Sole apparve
come un fiore
che spunta dal terreno
anelante il cielo.

Sperimentai
nelle mie vene
un incendio ematico.

Profumo
di vite trascorse
diapositive di resurrezione.

Un grande grazie a Stefano Rossi in arte Wikingo http://wikingo.it/ per la realizzazione della spendida copertina e del nuovo logo “ORA POESIE”.

“Impressioni” quelle del nostro personale universo, quelle che possono decidere la nostra vita, quelle che possono tracciare il nostro cammino, quelle che interpretano il mondo restituendocene una visione tutta personale.

Noi siamo gli artefici e quindi i responsabili della nostra esistenza o forse esistono forze sconosciute, oltre le quali non ci è consentito scegliere ed intervenire?

Ricercare questi confini è forse l’implicito esercizio che ci viene affidato al momento del concepimento e della conseguente nascita in questa dimensione, che forse è solo un’illusione della nostra mente…

CARILLON

Fable poems Favole poesie

Author & copyright Stefano Rossi, “Wikingo” in art (c) 2019 | Contact wikingodesign@gmail.com

Golden Springs

There are fairies
that jump
into every child’s dreams,
thanks to golden springs
affixed
to their feet.

Whilst
the sky lights up with musical rainbows:
every colour a sound
and every sound a star
born in the firmament.

The landscape
suddenly reveals itself
as an enchanted forest

A fresh stream flows
into a magical lake.

Here the water is honey
and in the depths
camouflaged cities,
decorated in beautiful light frequencies,
can be seen.

Down there,
an alternate world breathes
where the mind
draws new animals and flowers
animated by the breath of the child.

The lake is a fantastic window
once crossed
the human body changes appearance:
the voice transforms into a harmonious sound
a mermaid’s song,
the eyes evolve into shimmering golden diamonds.

Once migrated, you are transformed into new creatures
painting ever better and more beautiful worlds,
with endless creative possibilities.

When the project is finished
the lake becomes a splendid and blinding bubble of light
remaining, thus, a perennial star.

Stefano’s beautiful illustrations (All Rights Reserved Stefano Rossi (c) 2018-2019 http://wikingo.it/), who arranged the lyrics to create a “story”, completes Carillon (that was previously “parked”, waiting for ideas, in the Favole poesie folder of my Google+ page dedicated to children as special beings, who I would define as authentic examples of purity whom we should listen to.

Every time they observe me, I feel a world open up, a world that is invisible to us, made of instantaneous subliminal messages that, while reaching me in the depths of my being, lead me to believe that I am perhaps in the presence of an indigo child.


The specialness and the purity of little ones allow them to dialogue with invisible worlds: they are paths to re-evaluate our existence. It would be nice if we adults always had the utmost respect for them, thus drawing inspiration to perceive the invisible and supernatural side of everyday life by accepting magic in our lives; synchronicity.


It brings to mind Pablo Picasso, who famously stated: “At the age of four I was painting like Raphael, and then I spent a lifetime learning how to paint like a child. All children are born artists; the difficulty lies in staying a child as adults.”


Giovanni Pascoli, in his 1897 publication Il Fanciullino (The Child), referring to the latter, wrote: “When our age is still tender, he confuses his voice with ours … But then we grow up, and he remains small; we light a new yearning in our eyes, and he keeps his old serene marvel fixed on you … you always say what you see as you see it … You enlighten the thing … You are very old, oh child! The world you see again is very old! … The new is not invented: you discover it…poetry…revives and improves humanity…” (from Il Fanciullino by Giovanni Pascoli 2015 ABEditore II edition: June 2015. Pages 9-21-24-25-26-40).


There is still plenty to be said, others could talk about it better than me, but I would like to invite you now to listen to what Carillon whispers…

Translation of the entire volume into English was completed by espressotranslations.net


Ivano Bersini

Molle dorate

Ci sono fate
che saltano
nei sogni di ogni bambino,
grazie a molle dorate
applicate
alle loro scarpe.

Nel mentre
il cielo si accende di arcobaleni musicali:
ogni colore un suono
ed ogni suono una stella
nata nel firmamento.

Il paesaggio
si rivela all’improvviso
una foresta incantata

dove un ruscello freschissimo
sgorga in un lago magico.

Qui l’acqua è miele
e sul fondale si riconoscono
città mimetizzate,
decorate da frequenze luminose bellissime.

Là sotto,
respira un mondo alternativo
dove il pensiero
disegna nuovi animali e fiori
poi animati dal soffio dei bimbi stessi.

Il lago è una vetrata fantastica
una volta attraversato
il corpo umano cambia sembianze:
la voce si trasforma in un suono armonioso
come canto di sirena,
gli occhi mutano in luccicanti diamanti dorati.

Una volta migrati ci si trasforma in nuove creature
per dipingere mondi sempre migliori e belli,
con molteplici possibilità di creatività.

Quando il progetto è concluso
il lago diventa una bolla di luce splendidamente accecante
e resta poi stella perenne.

Le splendide immagini di Stefano (All Rights Reserved Stefano Rossi (c) 2018-2019), che ha scelto la disposizione delle liriche per creare la propria “storia”, completano Carillon (già precedentemente “parcheggiate”, nell’attesa di idee, nella cartella Favole poesie della mia pagina Google+ dedicato ai bambini quali esseri speciali, che vorrei definire autentici grandi esempi di purezza a cui prestare ascolto.

Ogni volta che mi osservano, sento aprirsi un mondo a noi invisibile fatto di messaggi subliminali istantanei che, raggiungendomi nel profondo del mio essere, mi inducono a credere di essere magari ad esempio al cospetto di un bambino indaco.


La specialità e la purezza dei piccini, li rende capaci di dialogare con i mondi invisibili: sentieri per rivalutare la nostra esistenza.

Sarebbe bello così che, noi adulti, ne avessimo sempre il massimo rispetto, traendone perciò ispirazione per percepire il lato invisibile, soprannaturale, della quotidianità accogliendo magia nobile nella nostra vita, sincronicità.

Pensiamo anche a Pablo Picasso il quale affermava notoriamente: “A quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino/Tutti i bambini sono degli artisti nati; il difficile sta nel fatto di restarlo da grandi”.


Giovanni Pascoli, nella sua pubblicazione del 1897 Il Fanciullino, a quest’ultimo riferendosi, scriveva invece: “Quando la nostra età è tuttavia tenera, egli confonde la sua voce con la nostra…Ma quindi noi cresciamo, ed egli resta piccolo; noi accendiamo negli occhi un nuovo desiderare, ed egli vi tiene fissa la sua antica serena maraviglia…tu dici sempre quello che vedi come lo vedi…Tu illumini la cosa…Tu sei antichissimo, o fanciullo! E vecchissimo è il mondo che tu vedi nuovamente! …Il nuovo non s’inventa: si scopre…la poesia …rigenera e migliora l’umanità…” (da Il Fanciullino di Giovanni Pascoli 2015 ABEditore II edizione: Giugno 2015. Pagg. 9-21-24-25-26-40).


Ci sarebbe ancora moltissimo da dire, altri più di me ne saprebbero parlare, ma desidero invitarvi ora ad ascoltare cosa ci sussurra Carillon…

La traduzione di tutto il volume in inglese è stata realizzata da espressotranslations.net


Ivano Bersini

VISIONI

Copertina realizzata da Stefano Rossi in arte Wikingo http://www.wikingo.it/

Fotografia di Emilio Gramart https://emiliogramart.wixsite.com/emiliogramart

Creatività

Soluzione alla violenza
culto della bellezza
riscoprire
il Nostro intimo e celato
luccicante universo
Creatività
alchimia dell’Anima
Creatività
nuova Vita, Amore.

Visioni nasce dal flusso di immagini che sorgono dal mio abisso, che forse è il punto di connessione con Tutti e con il Tutto.

Figure che rievocano probabilmente esistenze vissute, esperienze che ci fanno scordare di Noi stessi individualizzandoci al momento della “nascita”.

Un’acquisizione di orgoglio, che Ci spinge a credere di essere soli e di dover entrare in competizione con i Nostri Simili, per vincere…

La vita è così forse un istante, una vicenda altamente auto-ipnotica, a causa del Nostro limitante veicolo biologico, nostra culla e tomba simboliche, dove, all’infuori di esso, Ci convinciamo che tutto si annienti; mentre invece Noi possiamo ridestarci nuovamente pronti a giocare, nell’esperienza virtuale, detta vita, che è tanto più illusoria quanto più appare concreta.

Desidero così trasmettere, con questa nuova pubblicazione, un messaggio di unità e di pace.


BAGLIORI DORATI

Fiori

I fiori scivolano
sul prato del camposanto
come promessa
di tornare a visitare la bimba
perché forse
solo così
ella potrà gioire nella pace eterna.

I ricordi sono quell’energia che ti assale da lontano e ti invita ad indagare cose apparentemente insignificanti ed a noi estranee.

Essi sono emozioni utili per fermarci a riflettere e porci in ascolto, in modo ricettivo senza pregiudizi dinanzi all’ignoto, che probabilmente è proprio ciò che stavamo inconsciamente chidendo alla vita per meglio capirla ed apprezzarla.

Vita che ormai pare più incentrata sulla materialità e su logiche consumistiche dove tutto deve avvenire ed essere ottenuto in anticipo; rischiando di trasformare il futuro già in passato, distruggendo così le nostre genuine aspettative.

Ricercare le nostre lontane origini potrebbe rappresentare un significativo passo in avanti.

Ivano Bersini

RESPLANDORES DORADOS

Flores

Las flores se escabullen

sobre el prado del camposanto

como promesa

de volver a visitar a la niña

tal vez así

solo así

ella podrá alegrarse en la paz eterna.

Los recuerdos son como aquella energía que te oprime desde el pasado y te invita a indagar cosas aparentemente insignificantes y extrañas a nosotros.

Ellos son emociones útiles para que nos detengamos a reflexionar y nos lleva a escuchar, en modo receptivo sin prejuicios ante lo desconocido, que probablemente sea aquello que estábamos inconscientemente cerrando a la vida para mejor entenderla y apreciarla.

Vida que ya parece más centrada sobre la materialidad y sus lógicas consumistas donde todo debe ser obtenido de antemano; amenazando de transformar el futuro anteriormente, destruyendo así nuestras expectativas auténticas.

Buscar nuestros lejanos orígenes podría representar un significativo paso hacia adelante.

Ivano Bersini

Traduccíon a cargo de Fátima Rocío Peralta García

Bellezza Belleza

In copertina/En portada:
https://pixabay.com/it/photos/ragazza-moda-trucco-bellezza-1848947/ di nastya_gepp
Realizzazione copertina a cura di Stefano Rossi in arte Wikingo: http://wikingo.it/
Realización de la portada a cargo de Stefano Rossi en arte Wikingo http://wikingo.it/

Bellezza

Bellezza
il profumo della notte
che soffia
sui Nostri sensi
desiderio d’infinito
quando
nel silenzio dell’oscurità
Noi ritorniamo
a vedere tutto
prima che l’alba
anestetizzi ed inganni
nuovamente e temporaneamente
la Nostra consapevolezza.

Che cos’è la Bellezza?
E’ il risultato di una ricerca spirituale?
E’ l’immagine di Dio cristallizzata nella materia, nella vita quotidiana?
E’ l’Essenza nascosta che sostiene e consente la vita di ogni Essere vivente e di ogni oggetto apparentemente privo di “Respiro”?
E’ un’emozione che Ci investe come carezze di lucente rugiada, quando sembra che tutto sia giunto alla fine e che non Ci resti alcuna aspettativa?
E’ forse ritrovare Se Stessi nel silenzio?
Ho indagato a modo Mio con queste nuove poesie la Bellezza, nell’auspicio che possano donare al Lettore particolari emozioni stimolanti un personale approfondimento.

Forse, la Bellezza potrebbe essere la comprensione totale di ogni aspetto dell’esistenza, una visione d’insieme del Tutto.

Ivano Bersini

Brescia, 03/03/2019

Belleza

Belleza
el perfume de la noche
que sopla
sobre Nuestros sentidos
deseo infinito
cuando
en el silencio de la oscuridad
nosotros regresamos
a ver todo
antes que el alba
anestesia y engaña
nuevamente y temporáneamente
Nuestra conciencia.

Qué cosa es la Belleza?
 
Es el resultado de una búsqueda espiritual?
 
Es la imagen de Dios cristalizada en la materia, en la vida cotidiana?
Es la esencia escondida que sostiene y admite la vida cada Ser viviente y de cada objeto “privado” de la Respiración?
 
Es una emoción que Nos apropia como caricias de reluciente rocío, cuando parece que todo ha llegado a su fin y que no Nos queda alguna expectativa?
Es tal vez volver a encontrarse a Sí Mismo en el silencio?
 
He indagado a Mi modo con estas poesías la Belleza, con el deseo que puedan donar al Lector emociones particulares estimulantes en una profundización personal.
 
Tal vez, la Belleza podría ser la comprensión total de cada aspecto de la existencia, una visión del Todo en conjunto.
 
Ivano Bersini
 
Brescia, 03/03/2019

Traduccíon a cargo de Fátima Rocío Peralta García

Caterina

Translation of the entire volume in English by https://www.espressotranslations.com/

La traduzione di tutto il volume in inglese è stata realizzata da https://www.espressotranslations.com/

This new collection is a tribute to My mother who recently returned to heaven.

A heaven I imagine without windows and without doors, as I believe it is accessed in a different way from that known to Us.

This is an anthology that hopes to be a prayer of serenity, to You, who now perhaps sees much more than We do.

Manerba del Garda, 14 July 2019

Ivano Bersini

Caterina

You returned
a bright star
eternal icon
symbol of Life
to illuminate
nights affixed to Ours.

Questa nuova silloge è un omaggio alla Mia mamma che è tornata da poco in cielo.

Un cielo, quello, che Io immagino senza finestre e senza porte, perché là credo che si acceda in modo differente da quello a Noi noto.

Un’antologia che desidera essere un augurio di serenità, a Lei che ora forse vede molto più di Noi.

Manerba del Garda, 14 luglio 2019

Ivano Bersini

Caterina

Tu sei tornata
stella brillante
icona eterna
simbolo di Vita
a illuminare
notti apposte alle Nostre.